Gio 14 Giu 2012

Africa's Eyes - photos by andrea zini

L’africa, magnetica, immensa, travolgente, vissuta attraverso gli occhi dei suoi animali. Immagini che catturano l’anima degli animali della savana; un’anima senza tempo e senza confini.
Africa’s Eyes, un progetto in cui gli occhi degli animali ritratti negli scatti vogliono comunicare le loro paure, la loro forza, la loro sensibilità, l’essenza della vita. L’autore vuole riprodurre nella foto la stessa sensazione di pathos vissuta nel momento dello scatto.

Il ghepardo, l’animale più veloce della savana, elegante con il suo manto maculato.
Il leone, il maestoso re della foresta, con il suo sguardo verso l’infinito.
Il bufalo imperturbabile e solenne.
Le zebre, che si muovono come in una danza.
La corsa degli elefanti con la loro virtuosa saggezza.

Sono loro alcuni dei protagonisti immortalati nelle istantanee di Africa’s Eyes.

Africa’s Eyes, un progetto ambizioso di studio e di ricerca che vuole raccontare con una chiave di lettura totalmente nuova l’anima del continente nero. Una fotografia che riesce a trasmettere tramite i suoi animali intime sensazioni di gioia, di dolore, di passione, di vita.

Africa’s Eyes, un progetto che soprattutto vuole essere la testimonianza di una natura da preservare e da tramandare.

Africa’s Eyes raccoglie oltre cento fotografie selezionate dal repertorio di immagini della Savana di Andrea Zini, scattate tra gli anni 2009 e 2011 tra le affascinanti radure della Namibia e i parchi del Kenia.
Le foto dell’esibizione sono state scelte per assonanza di emozioni e percezioni.

Grazie alla sensibilità artistica dell’autore per le luci e per il trattamento dei colori delle immagini, gli animali sembrano rivivere all’interno della fotografia.

Le immagini sono state stampate su una speciale carta giapponese handmade con deckles sui quattro lati realizzata appositamente per l’esibizione.

La stampa è stata eseguita dall’americano Jon Cone - Cone Editions- con una formula d'inchiostro monocromatica riservata in esclusiva per l’autore e chiamata "Zinitype”.

Le foto si distinguono perché anche se monocromatiche con sfumature seppia/arancione mantengono gli occhi degli animali del loro colore naturale. Da questo procedimento nasce il concetto di Africa's Eyes.

Per evidenziare ulteriormente questo effetto gli occhi degli animali vengono dipinti da un artista.

Il risultato visivo è fortemente emotivo. Immagini incisive e affascinati che rimangono impresse nella memoria, che fanno riflettere, che fanno sognare. Sono scatti senza tempo in cui si respira l’essenza della vita.

Un eccezionale reportage fotografico che evidenzia un’Africa inconsueta e terribilmente reale.

Africa’s Eyes è un omaggio alla natura senza tempo e alla vita.

Firenze, Giugno 2012